Archivi tag: Vittorio Foa

Come evitare che sui gradini della conoscenza si replichino le distanze della disparità?

«In questo passaggio di secolo una ondata di ottimismo avvolge il nostro mondo progredito: l’informazione sembra aprire spazi illimitati alla crescita, il virtuale scavalca il reale, i servizi scavalcano l’industria, la nuova economie scavalca la vecchia. Naturalmente siamo tutti richiamati … Continua a leggere

Pubblicato in libertà di espressione, politica, società | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Un’Europa a guida tedesca, e non solo per un semestre? Magari

«Che ne sarà degli Stati nazionali nell’Europa unita? Gli Stati-nazione hanno contribuito alla costruzione sovranazionale con i sacrifici, non poco dolorosi per la convergenza delle monete e di bilanci. Quel che c’è di Europa è opera degli Stati nazionali contro … Continua a leggere

Pubblicato in libertà di espressione, politica, storia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Pure il silenzio dei colti contribuì a generare il mostro

Nelle prime pagine del suo libro di memorie scritto nel corso degli anni novanta e pubblicato nel 2000, Vittorio Foa scrive: «Alla presentazione di La parola ebreo di Rosetta Loy dico a Giulio Einaudi che ho dei nodi da sciogliere … Continua a leggere

Pubblicato in conformismo, libertà di espressione, politica, società, storia | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Così è perché non avete vinto voi

Mi è tornata in mente l’altra sera, guardando in televisione una specie di dibattito in cui un tale (non ne ricordo il nome, ma nulla aggiungerebbe a questa riflessione il saperlo) citando in modo approssimativo il Voltaire di Tallentyre, spiegava … Continua a leggere

Pubblicato in libertà di espressione, politica, società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento