«Bisogna saper scegliere in tempo».

«Non arrivarci per contrarietà». Continua così Eskimo di Guccini, dopo il verso che fa da titolo a questo post. Ed è esattamente quello che mi viene in mente, leggendo tutte le critiche che da un po’ di tempo arrivano a Renzi da parte di quelli che, appena qualche anno fa, lo disegnavano quale il miglior politico che l’Italia avesse avuto, almeno dai tempi migliori della sua storia repubblicana.

In quelle condanne comuni al Renzi di oggi, però, sento il riverbero dell’identico conformismo che animava gli osanna collettivi allo stesso di ieri. Pessime sono quelle degli ex amici, di quanti l’han supportato, a parole o nei fatti, convintamente d’accordo sulla sua visione del Paese e della società. Peggiori, mi si permetta di dirlo, quelle di chi, non amandolo, lo ha sostenuto non perché con lui d’accordo su qualcosa, non perché vedesse nella sua azione di governo il dispiegarsi di idee positive, ma perché, e solo perché, con lui si vinceva (o nutriva la speranza che così potesse essere). Se per i primi posso ricorrere alle pagine di tanta letteratura in materia, per i secondi ne trovo poche, se non rovistando fra quelle che raccontano i periodi meno commendevoli della vicenda umana.

Ora non sto difendendo Renzi, ma nemmeno riesco a unirmi al rancore corale dei tanti che, adesso e solamente adesso, ne scoprono limiti, pecche e difetti, proprio perché non mi associai al canto entusiasta o interessato che gli stessi intonarono allora. Oggi e solo oggi, il nostro, è interessato al potere, tanto da prospettare la caduta di esecutivi che formalmente sostiene, o non fu così pure con Letta, ben prima di Conte, con voto unanime (non lo era, ma se ricordassi qui i nomi di quelli che non si adeguarono all’epoca, potrei dare l’impressione d’esser animato da partigianeria) della direzione del Pd? Solo adesso si vedono i risvolti di desta nelle politiche che ha in mente? O non c’erano forse già tutti e prima, nel jobs act, nell’attacco ai capisaldi dello Statuto dei lavoratori, nella Buona scuola, con tanto di chiamata diretta dei presidi, nel Piano casa, con le risposte securitarie, patrimonio della reazione più dura, in tema di taglio delle utenze e negazione dell’accesso alla residenza per i costretti all’occupazione senza titolo di immobili vuoti, nel piano per le “grandi opere” che piacevano tanto ai governi del Caimano, nella torsione governista dell’assetto dello Stato, un tempo terreno esclusivo di quelli che guardavano al presidenzialismo forte, nella riduzione degli spazi di partecipazione e scelta attraverso una legge elettorale e modalità di individuazione dei rappresentanti quale soluzione retriva ai problemi della politica e dei partiti, eccetera, eccetera, eccetera?

Che poi, Caimano. A Berlusconi piace persino il reddito di cittadinanza, al di là delle problematiche spicciole di gestione e ruberie e perché, dice il già cavaliere, «gli importi che sono finiti a dei furbi che non ne avevano diritto, sono davvero poca cosa rispetto alle situazioni di povertà che il reddito è andato finalmente a contrastare»; è Renzi che lo odia nelle fondamenta ideologiche e lo vede come il «reddito di criminalità» , tanto da avversarlo adesso e non averne mai creato uno vero e migliore negli anni del suo governo.

Senza che i critici attuali, su tale mancanza, al tempo eccepissero.

Pubblicato in libertà di espressione, politica | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Il quarantennale sulla ricostruzione, nel senso della legge

Del 23 novembre del 1980, su questo spazio, più volte se ne sono ricordati alcuni momenti. I miei, certo, i ricordi e le sensazioni, i dettagli. I fatti e i numeri della catastrofe li sapete, e fanno male tutti. I bambini nella chiesa di Balvano, il nulla di polvere e detriti nell’abitato antico di Castelnuovo di Conza, le case sventate di Sant’Angelo dei Lombardi: novanta minuti di scossa, quasi tremila morti, centinaia di paesi colpiti. E trecentomila sfollati.

Il 1981, poi, fu l’anno della ricostruzione. O meglio, l’anno della legge sulla ricostruzione. Negli anni, son successe tante cose. Di molte si è letto tanto, e poche volte è stata una lettura piacevole. All’emozione per il dolore condiviso e alla spontaneità dei soccorsi, sono seguite pagine poco edificanti, nel ruolo delle istituzioni e nei comportamenti dei singoli. E persino quando quella ricostruzione si fece, e se ne fece tanta, l’impressione è che i fondi furono spesi con un’idea di sviluppo che già allora mostrava la corda, il fiato corto. Pochi furono i progetti con uno sguardo largo e comprensivo di diversi e differenti ambiti, quasi nulli quelli in campo sociale e culturale, nessuno (e ho purtroppo poco timore d’esser smentito) di respiro più ampio della durata del finanziamento stesso. E vedemmo lo sviluppo; che fu effimero, come quei «bivacchi di fuochi che dicono fatui/ che non lasciano cenere, non sciolgon la brina».

È probabile che, qualora un diverso tipo di intervento fosse stato attuato, il risultato finale non si sarebbe, nei fatti e negli effetti, discostato da quello che comunque si è avuto. Ma nemmeno si provò a farlo. E anzi, se all’epoca si fosse detto che quello non era il modello migliore, che quegli interventi tutti nuove costruzioni e consumo di suolo non erano il migliore dei modi possibili, di sicuro si sarebbe stati additati quali “nemici dello sviluppo”. Già, lo sviluppo.

L’età che ho ora e il tempo che da allora è passato mi aiutano a superare il rancore, ma non leniscono la tristezza per i ricordi di quelle terre che sempre segnavano il paesaggio. E la tragedia del ricordare è sempre legata al fatto che non son tutti brutti o tutti belli i ricordi che si hanno. I prefabbricati leggeri che si facevano borgo ai margini delle città, con tanto di trattorie da frequentare per la qualità indiscussa delle pietanze, i container divenuti casa, per anni, di amici e parenti, le gru, le ruspe, i carrelloni a due o più assi che venivan buoni, e ce n’eran tanti, per farci persino i carri a Carnevale.

E quel tavolo in cucina che trema, e le scale a rotta di collo, e il sedile posteriore della Kadett di papà, e le braccia di mamma e una coperta verde per scacciare via la paura e il freddo di una notte d’autunno inoltrato, di quarantuno anni fa, di un bambino che ignorava ancora la fortuna avuta in quella domenica sera, e quanto, poco più in là del profilo oscuro dei monti oltre il parabrezza, fosse vero e duro il dolore vissuto da altri come lui.

Pubblicato in libertà di espressione, politica, società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

«Il partito dei risentiti»

«Proprio la liquidazione aprioristica di ogni alternativa, tacciata di deriva autoritaria, o percepita come illusione chimerica, apre le porte alla compensazione fantasmatica del risentimento che, con un colpo di bacchetta magica, immagina di dominare i dominatori. Sotto questo aspetto il risentimento è una rivolta sottomessa. Si riduce infatti a un tentativo, a sua volta alienato, di superare l’alienazione, una scorciatoia per rovesciare i rapporti di forza. La scintilla della rivolta si accende e si spegne in pochi attimi. La coscienza fugace del dissenso lascia il posto al conteggio dei benefici immediati. Il risentito finisce così per accettare il mondo che vorrebbe esorcizzare e, a dispetto di tutto il suo orgoglio rancoroso, si sottomette al sistema odiato, si umilia rendendo un omaggio mal dissimulato a quei valori egemoni che pretendeva freneticamente di invertire. La metamorfosi ultima è il passaggio dall’animosità intransigente alla rassegnazione amara o, secondo la sorte più o meno benevola, all’acquiescenza dimentica e spensierata. Ecco perché il partito dei risentiti è destinato a erodersi e scindersi continuamente a causa delle ripetute defezioni, dei calcoli interessati».

Così Donatella Di Cesare, nel suo Il complotto al potere (edizioni Einaudi, 2021, pag. 54). E in effetti, sembra spesso effettivamente quello, un partito di risentiti, ciò che protesta contro non sai bene cosa, che s’industria a inventare scenari complottistici per ogni singolo accadimento, che ha risposte sempre pronte e le più varie e contorsionistiche, per fatti che, a guardarli con serenità, nascondono ben poco su quello che sono. Ma più di ogni altra cosa, quello che non mi spiego è un aspetto differente di questo fenomeno. Concordo con la Di Cesare quando li definisce risentiti: ma m’interrogo sul perché, sul motivo per il quale lo siano. E sinceramente, in fondo e per questioni davvero importanti, non riesco a trovare ragioni per questo sentimento.

Nelle scorse settimane, siamo stati colpiti al cuore dalla foto del piccolo Mustafa, il bambino profugo siriano nato senza arti in per gli effetti diretti e indiretti del gas nervino ha investito la madre in gravidanza durante un bombardamento nella guerra siriana, tenuto in braccio dal padre, Munzer El Mezhel, anch’egli privo di un arto, e scattata da Mehmet Aslan in un campo profughi in Turchia. I due, nella foto, sorridono. Poi ho visto le immagini dei vari cortei dei giorni scorsi: rabbia, volti tirati, rievocazioni senza criterio dei periodi peggiori della storia dell’umanità, insultanti paragoni fra la situazione di oggi e quella di allora. Risentimento, appunto. Per cosa? Non credete che Munzer e Mustafa e la loro famiglia abbiano qualche ragione in più? Eppure, loro, in quella foto, sorridevano, e con quel sorriso parlavano al mondo intero di speranza. Di cosa parlano i volti tristi e truci visti nelle nostre comode piazze?

Non saprei dirlo. E temo anche altro. Sempre Donatella Di Cesare, questa volta in un articolo sulla Stampa del 12 ottobre, a proposti delle manifestazioni che portarono all’assalto alla sede romana della Cgil: «In piazza a Roma erano migliaia, non una minoranza scalmanata, bensì la punta dell’iceberg che va emergendo: un serbatoio losco, una riserva di pulsioni identitarie, negazioniste e complottiste, la fucina della destra che durante la pandemia si è ampliata e consolidata. Non è gente spinta dai disagi economici o dalla rabbia sociale. Chi ha problemi di lavoro, di casa, di sopravvivenza non ha tempo né energie per scendere in piazza contro il vaccino. Perché di questo si tratta – il pass è solo un velo ipocrita. Questa fucina, che pullula di impulsi oscuri, di risentimenti etno-egoici, di rivendicazioni vittimarie, è costituita da una parte cospicua della popolazione. Non centinaia di migliaia, bensì – come indicano le statistiche sui vaccini – qualche milione. È questa, per vocazione, la fucina della reazione. E forse dovrebbe allarmare anche più di Forza Nuova. Perché finora mancano gli strumenti di analisi e, anzi, manca proprio una riflessione su questo fenomeno che non si può liquidare con due battute, ricorrendo a vecchie e inservibili categorie politiche».

Penso anch’io lo stesso, di quelle categorie; però non saprei ancora indicarne di nuove.   

Pubblicato in libertà di espressione, politica, società | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Una splendida notizia

«Ma quando seppe che ero medichessa, rimase zitto; e il vice-questore mi rispose in tutt’altro tono. “La malaria, – mi disse – c’è dappertutto. Potremmo trasferire suo fratello, se lo desidera, ma troverebbe le stesse condizioni che a Gagliano. […] Altri bambini incontravo, coi visini grinzosi come dei vecchi, e scheletrici per la fame; i capelli pieni di pidocchi e le croste. Ma la maggior parte avevamo delle grandi pance gonfie, enormi, e la faccia gialla e patita per la malaria. Le donne, che mi vedevano guardare per le porte, m’invitavano a entrare: e ho visto, in quelle grotte scure e puzzolenti, dei bambini sdraiati in terra, sotto delle coperte a brandelli, che battevano i denti dalla febbre. […] Continuavo a scendere verso il fondo del pozzo, verso la chiesa, e una gran folla di bambini mi seguiva, a pochi passi di distanza, e andava a mano a mano crescendo. Gridavano qualcosa, ma io non riuscivo a capire quello che dicessero in quel loro dialetto incomprensibile. Continuavo a scendere, e quelli mi inseguivano e non cessavano di chiamarmi. Pensai che volessero l’elemosina e mi fermai: e allora soltanto distinsi le parole che quelli gridavano ormai in coro: “Signorina, dammi ’u chinì! Signorina, dammi il chinino!”. Distribuii quel po’ di spiccioli che avevo, perché si comprassero delle caramelle: ma non era questo che volevano, e continuavano, tristi e insistenti, a chiedere il chinino».

Le parole di sopra sicuramente le avrete riconosciute, se non da altro, da quel «Gagliano». Sono il racconto che la sorella fa a Carlo Levi del suo giro per Matera, fra miseria e, appunto, malaria. Per questo, ieri mattina, quando ho letto la notizia del via libera alla somministrazione del primo vaccino antimalarico per i bambini, ho pianto. E no, non è un modo di dire. Le emozioni non si spiegano, né si possono davvero raccontare. Si può però dire quello che si è provato, se non altro tentare di farlo. Ebbene, quella notizia m’ha serrato la gola, fermato il fiato, riscaldato le guance. La malaria uccide ogni anno centinaia di migliaia di persone, bambini soprattutto, in Africa particolarmente. Come quelli che chiedevano «’u chinì», esattamente come loro, con le facce gialle e patite. E sì, non lo nascondo; ho pianto, per quelli di oggi, per quelli di ieri.

Ora immagino che, anche in questo caso, ci potranno essere vari oppositori alla vaccinazione diffusa, magari pronti a parlare di esperimento di massa, per di più cercando l’empatia parlando di bambini utilizzati come cavie. Bambini dei quali, morenti a centinaia di migliaia all’anno, a loro non è mai importato nulla. Per quei bambini io oggi sono felice. E pure per quelli che seguivano la sorella di Levi e che il tempo e la storia, nella quasi totalità, han consegnato ormai alla polvere.

Se ne trovaste di essi qualcuno in vita, son sicuro, come me piangerebbe, come me gioirebbe.

Pubblicato in libertà di espressione, società, storia | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Per i beni essenziali della vita

«Sì, parli bene, tu. Perché puoi usare poco la tua vecchia auto. E se io devo farci molti chilometri, e non ho i soldi per prenderne una nuova, come faccio? Come vedi, i sacrifici ricadono ancora sui più poveri, mentre i ricchi già hanno l’ibrida plug-in da 300 cv, che paga persino meno di bollo rispetto alla mia e nessuno la ferma nei giorni con alte concentrazioni di polveri sottili. Democratico, certamente». Così un commento al mio articolo dei giorni scorsi. E mi colpisce nel vivo. No, non perché non ci avessi pensato; perché è vero. È vero che io ho la fortuna di poter usare poco l’auto, è vero che i poveri sono quelli che, anche in questo caso, pagheranno per primi e di più.

Tutto vero. Dopotutto, però, è vero anche che ogni rinuncia per la salvaguardia dell’ambiente sarebbe una rinuncia che graverebbe, di più e per prima, sui poveri. Se l’intera società dei consumi, che tanta parte ha nella situazione drammatica che quell’ambiente naturale sta subendo, dev’essere rivista al ribasso o abbandonata, almeno nella prima fase questo costerà nelle tasche delle fasce più povere. Il consumismo, in fondo, è l’altro aspetto dell’accesso ai beni e ai prodotti dell’industria da parte dei meno abbienti; i ricchi vi accedevano già prima. Se per ridurre l’inquinamento dobbiamo restringere il consumo di quei beni, prodotti e servizi su larga scala, saranno inevitabilmente quelli appannaggio dei ceti medi e bassi che si dovranno contrarre. Così come, se ciò non dovesse accadere, saranno loro le case a finire sott’acqua nelle alluvioni sempre più frequenti prodotte dalla climate crisis, loro i figli a morire nei quartieri operai a ridosso delle fabbriche che avvelenano l’aria, loro a fare più fatica a reperire gli alimenti quando i prezzi saliranno per colpa della siccità o a sobbarcarsi i costi della lotta, appunto, fra poveri che potrebbe seguire alla riduzione delle risorse della terra. I ricchi, pure allora, giocheranno in un altro campionato.

Ma allora, è tutto inutile, e tanto vale tenerci il mondo così com’è, nel suo consumo vorticoso di ogni cosa e di ognuno? Au contraire, mes ami; è una lotta giusta e opportuna, quella per la difesa dell’ambiente, soprattutto intrecciata a quella contro il consumismo, persino se, al principio, sembrerà costare proprio e solo su quelli che la combattono. Con le parole di Riccardo Lombardi: «la nostra lotta è contro la società affluente e il benessere, non già perché non vogliamo il benessere, ma perché vogliamo un certo tipo di benessere, non quello che domanda tremila tipi di cosmetici o una dispersione immensa di risorse, ma quello che domanda più cultura, che domanda più soddisfazione ai bisogni umani, più capacità per gli operai di leggere Dante o di apprezzare Picasso, perché questa, che preconizziamo, è una società in cui l’uomo diventa diverso a poco a poco e diventa uguale; diventa uguale all’industriale o all’imprenditore non perché ha l’automobile, ma perché è capace di studiare, di apprezzare i beni essenziali della vita».

Pubblicato in economia - articoli, libertà di espressione, società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Una comunità ci vuole

Non mi occupo di vaccini, non mi occupo di pandemia; come Moretti in Sogni d’oro, «io non parlo di cose che non conosco». E quindi qui non mi avventurerò in analisi di dati e numeri, tendenze ed evidenze, relazioni scientifiche e nessi causali. Osservo che molte cose paiono andar meglio, a livello nazionale e in generale, e ne prendo con soddisfazione atto. D’altronde, non ho mai pensato che questa fosse la fine del mondo, ma solo una malattia, e per questo, i toni apocalittici non hanno mai fatto parte del mio approccio.

Però, se non parlo di questioni statistiche e scientifiche, non posso non notare alcune dinamiche sociali evidenti. Più di tutte, fra queste, il far brandelli degli ultimi resti di comunità che queste società offrivano. Si è cominciato con l’accusa ai cinesi, agli asiatici tutti additati e incolpati persino per strada, quando non direttamente aggrediti. Poi è stata la volta dei runner, colpevoli di uscire di casa. E poi il tifo in diretta tv per le forze dell’ordine all’inseguimento di solitari corridori sul bagnasciuga, i dispiegamenti di mezzi aerei per dissuadere i patiti della grigliata in terrazzo, i droni usati per fermare un indomito amante della tintarella, su una spiaggia altrimenti deserta. E ancora i ragazzi della movida, i turisti di ritorno dall’estero, gli insegnati che non volevano sottoporsi al sierologico, i bambini nelle scuole o al parco, fino al vicino di casa, nella malsana gioia poco celata da parte di tristi figure entusiaste all’idea appena paventata di poterlo denunciare per i troppi amici e parenti, sentendosi nel giusto nella lotta contro gli assembramenti. Ora, i reprobi, quelli a cui dare lo stigma dei nemici pubblici sono quanti (esercitando un proprio diritto, date le attuali disposizioni in materia, come nel loro pieno diritto erano gli insegnanti, i ragazzi e i bambini di cui dicevo prima; credo sia importante chiarirlo) scelgono di non aderire alla campagna condotta medaglie al petto dal generale. Con gli uni che denunciano gli altri di mettere a rischio la vita di tutti, e i secondi che danno del nazista a chiunque reputi non eccessive le disposizioni governative e dipingono i sanitari che somministrano il vaccino quali novelli Franz Stangl. Mai il dubbio, a tutti, che si stia esagerando?

Non condivido le scelte di chi rifiuta di vaccinarsi, né il merito delle invocazioni dei contrari al green pass in tema di libertà e denunce di discriminazione. E noto bene la serie infinite di loro ipocrisie, da quanti erano tra gli urlatori discriminanti di sopra e si lamentano delle presunte discriminazioni subite, ai tutori dell’ordine che nulla hanno mai eccepito, quando si trattava di caricare manifestanti per il lavoro perso o respingere migranti in cerca di una speranza di vita, ma contestano la legittimità di un certificato vaccinale (quello è, senza girarci intorno), fino agli intellettuali che sarebbero favorevoli al vaccino obbligatorio, però non alla carta verde (come se, adempiuto a quell’obbligo di cui dicono, non sarebbe dovuta comunque esserci una fase in cui, ragionevolmente, il vaccinato avrebbe dovuto dimostrare di averlo fatto, come accade per altri dieci vaccini obbligatori per i bambini e per i quali, appunto, è richiesta l’opportuna certificazione per l’iscrizione scolastica).

Tuttavia, i toni e i modi sono eccessivi, a mio avviso. E il rischio finale, ripeto, è di mandare al macero, definitivamente, quegli stracci di sentimento comunitario fra gli individui nella società odierna che, quasi miracolosamente, ancora sopravvivevano e sopravvivono, e determinando, per quest’agire e su questa via, danni ben maggiori di quelli, pur gravi e duraturi, che la stessa pandemia ha inflitto, in questi ormai quasi due anni.

Come il paese per Pavese, ritengo che una comunità ci voglia; non fosse che per il gusto di considerarsene esuli.

Pubblicato in libertà di espressione, società | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Al netto di Brunetta, ma, prima o poi, non era meglio che finisse?

D’accordo, è un’idea di Brunetta, e, a prescindere, è sbagliata. Però, qualche dubbio, sullo smart working, io l’ho sempre avuto. Da prima che Brunetta diventasse ministro della P.A. nel governo Draghi. E al netto delle osservazioni sul fatto che i dipendenti in ufficio facciano circolare l’economia e quindi anche gli incassi di bar e ristoranti nei quartieri dove questi insistono (ed è un fatto che non può essere derubricato a sedimento di cultura “sviluppista”, perché la questione rimane, e non si è più green e cool se si contesta quel principio, ordinando comodamente da casa sulle app del lavoro sfruttato), il ritorno alla normalità, anche il quel senso, è un segnale da dare e una strada da perseguire.

Vale in questo caso per la Pubblica amministrazione, ma vale in generale per il mondo del lavoro. Quando sento gli entusiasmi per la possibilità di rendere “da remoto” la propria prestazione lavorativa, un po’ m’insospettisco. Ancora di più quando, in questo giubilo, avverto una sorta di acquiescenza verso tale possibile nuova normalità del “prestare la propria opera a fronte di un compenso”, che, almeno nei servizi e negli impieghi – descrizione desueta, lo so – “di concetto”, potrebbe in un futuro più o meno prossimo darsi. Chiariamo: lo smart working per esigenze puntuali e circostanziate, al di là delle ragioni autoevidenti dovute alla pandemia, Dio lo benedica; lo sottolineo io, che non avrei saputo come fare altrimenti, con un figlio piccolo e quando le scuole sono state chiuse. Sul lavoro agile come guisa della normalità lavorativa, beh, permettetemi la pratica del sospetto. Cos’è, di fatto, quel modo di lavorare? Produrre senza incontrare i propri colleghi quasi mai, di certo non in quei momenti di pausa dal lavoro in cui, fra l’altro, nasce il confronto sulla propria condizione e, magari, le considerazioni per una rivendicazione o un’azione collettiva, foss’anche la semplice richiesta di una migliore organizzazione. Alla fine, verrebbe così fortemente indebolita, nei settori maggiormente coinvolti, la possibilità stessa della nascita e dell’organizzazione di un’attività sindacale, che dalla radice “insieme” mutua il suo stesso nome; ognuno a casa sua, e quella possibilità è di fatto preclusa.

Il sindacato stesso, infatti, e le rivendicazioni in questo discusse, fatte proprie e rivendicate, nacquero e nascono ancora pure in quelle pause trascorse insieme dai lavoratori, fra un cambio turno in fabbrica, durante il veloce pasto sui campi, nello scambio di battute alla macchinetta del caffè in ufficio; togliendo quei momenti, rendiamo un po’ più ardua la sua costruzione e il suo mantenimento in vita.

Praticando, infine, l’estrema solitudine del non aver compagni.

Pubblicato in economia - articoli, libertà di espressione, società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Chi è il mio straniero?

Ho sentito l’altro giorno, al tg regionale, la leader di un partito di destra, intervenuta a un comizio, dire di temere che i negozi locali finiscano in mano a stranieri approfittatori della crisi dovuta alle chiusure forzate dei mesi passati (con un passaggio sui cinesi degno del mito americano a cui la stessa più volte ha guardato e potenzialmente foriero di stimoli a una sinofobia e un asian hate dei quali non si sente davvero il bisogno).

Al netto dell’illogicità pratica di quelle affermazioni (avrebbe, stando alla ratio di queste, la Cina scatenato una pandemia che le è costata una decina di punti di PIL per penalizzare il commercio locale a vantaggio dei colossi Usa dell’e-commerce per far sì che un cittadino italiano nato nello Zhejiang meridionale potesse acquistare il locale di un barbiere chiuso per crisi in zona Vanchiglia? A me sembra arduo pensarlo), e della loro pericolosità (cosa succede se quella stessa persona, da qualche buzzurro, viene aggredita e pestata perché considerata una sorta di usurpatore? Non dovremmo, in quel caso, utilizzare la categoria del “mandante morale”?), è proprio il senso letterale che non mi convince: chi sarebbe, lì, lo straniero? Il prossimo negoziante di quartiere? E perché, per le sue origini? E perché, di contro, chi questa tesi propaga dovrebbe essere il mio “fratello di patria”? Per la nazione in cui è nato? Non è forse più estraneo, straniero, appunto, chi vive in contesti diversi di colui che, invece, condivide tutti i giorni i medesimi orizzonti, fisici e sociali? Detta diversamente: al lavoratore italiano, non è più connazionale il lavoratore cinese, nigeriano, pachistano, che, come lui, tutte le mattine si alza e si reca a lavoro, cresce i propri figli nelle stesse sue strade, si sacrifica e gioisce nel vederli diventar grandi, sperando possano domani anche loro averne di propri, di quanto non lo sia il ricco padrone o i megafoni dei suoi interessi mandati a raccontargli da un palco la storia al contrario, e per questo pagati al mese quanto lui, difficilmente, vede in un anno? Ecco, precisamente: chi è il mio straniero?

Come insegnava Don Milani (Ai cappellani militari toscani che hanno sottoscritto il comunicato dell’11 febbraio 1965 [contro l’obiezione di coscienza, nda], ora in Don Lorenzo Milani, L’obbedienza non è più una virtù e altri scritti politici, Stampa Alternativa, 1998, pp. 25-26) se voi «avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri, allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro; gli uni son la mia Patria, gli altri i miei stranieri». Ancor prima, e probabilmente meno, non capisco il senso di dire “straniero” il proprio pari e vicino, considerando “connazionale” chi vive in un mondo e in un modo diversi irraggiungibili.

Pubblicato in libertà di espressione, politica, società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Per quanto non sappia dar forma migliore a questo pensiero

Non capendo molto di cinema, Natalia Aspesi non è tra le firme che più leggo, sui giornali. Quest’estate, tuttavia, m’è capitato di appassionarmi alla lettura di un suo articolo che, ovviamente, non parlava di pellicole. Partendo dalla sua dichiarazione di fiducia nei metodi della democrazia e delle società organizzate su modelli rappresentativi, che è pure la mia, spiegava perché non solo è sicura dei vaccini, ma anche del numero di dosi che le viene indicato, appunto, da quelle istituzioni di cui si fida. E io sono d’accordo con lei; altrimenti, vale tutto e niente allo stesso tempo.

Ma la parte che più mi ha colpito, nel suo articolo, era la conclusione del ragionamento sui movimenti che a quelle somministrazioni proprio si oppongono. Scriveva infatti, da brava commentatrice che non si limita alla notizia in sé e cerca di andare oltre: «il mio sospetto è che molti degli urlanti il vaccino l’hanno fatto e la loro furia è solo una posizione politica, oppure un grido di generica disperazione. In un mondo che crolla, in una società che si immiserisce culturalmente ed economicamente, la paura, il senso di estraneità al futuro, il nulla che sappiamo, l’improvvisa esclusione di chi non è nativo digitale, il lavoro, quando c’è, diventato schiavitù. Rifiutare le regole per una possibile fine della pandemia, opporsi a quella che pare essere la soluzione più percorribile per miliardi di umani (il Covid sino ad oggi [l’articolo è del 13 agosto scorso, nda] ne ha ammazzato 4.314.196) è la sola libertà, il solo modo di ribellarsi che resta a troppi». Un sospetto che è anche mio.

Dati ed elaborazioni più approfonditi e puntuali, a supporto di questa impressione, non ne ho, né ne ho letti. Però, forte è la sensazione che sia in quel senso che almeno buona parte delle proteste di cui si sente vada letta. Poi rimangano sul piatto tutti gli altri lati della questione: la paura di molti del vaccino, le comprensibili ansie, le eccezioni su una norma fatta di corsa, persino il netto rifiuto figlio della contrarietà, in una fetta di quel popolo, ad alcune forme di modernità in nome di una non meglio precisata via naturale all’esistenza umana. Tutto vero.

Eppure, quel pensiero mi rimane. Per quanto non sappia dare a esso forma migliore.

Pubblicato in cultura, libertà di espressione, società | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La logica del Move-In la condivido

«Non dici nulla su questa storia del MoveIn? A me sembra solo un modo per farci pagare un altro balzello». Così un amico, a proposito del programma delle regioni Lombardia e Piemonte, chiamato Move-In appunto, per consentire, con dei limiti, alle auto più vecchie di continuare a circolare, a patto di rispettare precise soglie di chilometraggio.

Rispondo a quella domanda citandone una che avevo posto in un articolo del novembre 2020. Mi chiedevo allora: «davvero costringere il proprietario di un’auto comprata una decina d’anni fa, e con la quale, magari, percorre 2-3.000 chilometri l’anno, a cambiarla per una nuova è meno inquinante che lasciargliela usare quel poco che fa?». Bene, il Move-In va proprio in questa logica. Avrà dei limiti, delle pecche, delle mancanze, potrà sicuramente esser migliorato e si sarebbe certamente potuto far meglio, ma rimane il fatto che la sua ratio è quella che sottintendeva la mia domanda: dare la possibilità alle auto vecchie, che però vengono poco usate, di continuare a circolare, proprio perché quei blocchi alla circolazione non rappresentino un’eccessiva penalizzazione per tutti coloro che non possono sostituirle e perché non si spingano a cambiare l’auto coloro che, per il poco uso che ne fanno, non ne avrebbero motivo e, facendolo, contribuirebbero solamente a incrementare le necessità di produzione e smaltimento altrimenti evitabili.

E sì, è un balzello. Come è una limitazione avere un tetto massimo di percorrenze, o dover evitare di circolare con un determinato tipo di automobile in alcune ore del giorno o periodi dell’anno. Però, e parlo in generale, per le auto, per i costi della bolletta, per i consumi eccetera, eccetera, eccetera, “a gratis”, senza rinunce e senza difficoltà, difficilmente conteniamo i danni e possiamo affrontare, tutti, ciascuno nel suo piccolo, ognuno facendone una parte, quella che, come giustamente s’impongono di fare i giornalisti del Guardian, è ora che cominciamo a chiamare con il suo nome: crisi climatica, non cambiamento.

Pubblicato in economia - articoli, libertà di espressione, politica, società | Contrassegnato , , | 1 commento