La logica del Move-In la condivido

«Non dici nulla su questa storia del MoveIn? A me sembra solo un modo per farci pagare un altro balzello». Così un amico, a proposito del programma delle regioni Lombardia e Piemonte, chiamato Move-In appunto, per consentire, con dei limiti, alle auto più vecchie di continuare a circolare, a patto di rispettare precise soglie di chilometraggio.

Rispondo a quella domanda citandone una che avevo posto in un articolo del novembre 2020. Mi chiedevo allora: «davvero costringere il proprietario di un’auto comprata una decina d’anni fa, e con la quale, magari, percorre 2-3.000 chilometri l’anno, a cambiarla per una nuova è meno inquinante che lasciargliela usare quel poco che fa?». Bene, il Move-In va proprio in questa logica. Avrà dei limiti, delle pecche, delle mancanze, potrà sicuramente esser migliorato e si sarebbe certamente potuto far meglio, ma rimane il fatto che la sua ratio è quella che sottintendeva la mia domanda: dare la possibilità alle auto vecchie, che però vengono poco usate, di continuare a circolare, proprio perché quei blocchi alla circolazione non rappresentino un’eccessiva penalizzazione per tutti coloro che non possono sostituirle e perché non si spingano a cambiare l’auto coloro che, per il poco uso che ne fanno, non ne avrebbero motivo e, facendolo, contribuirebbero solamente a incrementare le necessità di produzione e smaltimento altrimenti evitabili.

E sì, è un balzello. Come è una limitazione avere un tetto massimo di percorrenze, o dover evitare di circolare con un determinato tipo di automobile in alcune ore del giorno o periodi dell’anno. Però, e parlo in generale, per le auto, per i costi della bolletta, per i consumi eccetera, eccetera, eccetera, “a gratis”, senza rinunce e senza difficoltà, difficilmente conteniamo i danni e possiamo affrontare, tutti, ciascuno nel suo piccolo, ognuno facendone una parte, quella che, come giustamente s’impongono di fare i giornalisti del Guardian, è ora che cominciamo a chiamare con il suo nome: crisi climatica, non cambiamento.

Questa voce è stata pubblicata in economia - articoli, libertà di espressione, politica, società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a La logica del Move-In la condivido

  1. Pingback: Per i beni essenziali della vita | Filopolitica

I commenti sono chiusi.