Siete proprio sicuri?

Liste bloccate, premi esagerati, sbarramenti irragionevoli, nulla sul conflitto d’interesse, nulla sulla rappresentanza di genere, nulla sulle primarie obbligatorie: deputate e deputati del Pd, è così che volete la legge elettorale?

Perché è così che la voterete, in piena libertà di coscienza e da mandato imperativo, ma in totale e assoluta contraddizione rispetto alle vostre parole. E poi sì, come dice Renzi, dovrete spiegarlo a chi vi ha votato, spiegare fuori quello che stamattina farete dentro l’Aula.

Dovrete spiegare perché state facendo tutto il contrario di quello che avete sempre detto e promesso, perché non si è fatto diversamente, perché avete apposto il vostro voto e, per tramite di questo, quello di chi vi ha votati, ad una legge che, se fosse stata approvata da Berlusconi senza il vostro contributo, non avreste esitato a criticare e contrastare, chiedendo il sostegno, e trovandolo, proprio di quelli il cui consenso oggi usate per approvarla.

Siete sicuri di quanto state facendo? Siete sicuri che sia la cosa giusta, sebbene rappresenti la negazione delle idee che dicevate di sostenere in campagna elettorale? E dopo aver tradito le vostre promesse, quelle che facevate a voi prima che a coloro ai quali vi rivolgevate, come chiederete la fiducia di nuovo? E perché dovremmo concedervela ancora?

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento