Il problema, si diceva, è politico

«Ora, solo uno sciocco può pensare che gli elettori del Pd siano di destra, dunque come si può pensare di ricostruire un centrosinistra di governo senza gli elettori attuali del Pd? Dunque come si può pensare di ricostruire il centrosinistra demonizzando il Pd. Attenzione non Renzi, il Pd», si chiede su Facebook il sempre preciso Domenico Cerabona, dopo aver spiegato che quella è la parte del ragionamento delle forze politiche alla sinistra del Pd che a lui convince meno. Ecco, lui ha ragione. Ma c’è un però.

Il mio amico non ha torto quando dice che non si può demonizzare un intero partito, inteso come comunità di militanti ed elettori. Infatti, io questi non li demonizzo affatto. Però il Pd è il partito che ha fatto tutte, o quasi, le cose contro cui per anni, con loro, ci siamo battuti (l’elenco non lo faccio, ché è noioso, lungo e lo conoscete già). E non le ha fatte Renzi; le hanno fatte quelli che, in piena indipendenza da mandato imperativo, le hanno approvate, di persona personalmente, diciamo. E siccome essi sono il corpo dirigente e la rappresentanza istituzionale del Pd, e presumibilmente lo saranno pure al prossimo giro, io posso anche, e ne sono sinceramente convinto, estrarre dal mio giudizio sul Pd il suo elettore mio vicino di casa o il mio amico militante, ma sarà con quei dirigenti e quella rappresentanza istituzionale che dovrò confrontarmi politicamente rispetto alle cose che si faranno. E loro sono, appunto, quelli che hanno voluto e votato tutte, o quasi, le cose contro cui per anni ci siamo battuti.

Quello che è successo e succede fra una parte dell’elettorato e quel partito, in fondo, è questo. Si ha un bel dire che «un conto sono le politiche, un altro le amministrative». Gli elettori sono gli stessi. E spesso lo sono i candidati, quasi sempre i sostenitori e quelli che vanno in giro a chiedere il consenso per un sindaco promettendo modi di fare diversi e differenti da quelli che, loro stessi, sostengono nelle assemblee parlamentari in cui siedono.

Vi stupisce che qualcuno possa non fidarsi?

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento