Effettivamente, la virgola non c’è

I consumi non vanno come si sperava, e questo si evince anche dall’inflazione, che da tempo ha valori, se non negativi, davvero prossimi alla deflazione. Pochi giorni fa, i dati hanno spiegato che sì, il Jobs Act l’hanno fatto, ma gli occupati sono cresciuti solo in concomitanza con gli stimolanti contributivi, finiti questi, fermati quelli. Infine, il Pil, quel totem a cui interi governi sacrificano le loro politiche, nel secondo trimestre, dice l’Istat, non è cresciuto per niente.

Ricordate quando Renzi metteva alla berlina quei politici che commentavano entusiasti i dati dello “zero virgola”? Bene, in questo, con l’azione politica dell’esecutivo che guida, si è dimostrato coerente: la virgola l’ha fatta sparire. Certo, direte voi, rimane lo zero, assoluto e tutt’altro che assolutorio, ma mica poteva fare tutto lui. E poi, insomma, lo sapete che la colpa è del sistema, del bicameralismo perfetto, dell’eccesso di politici e di poltrone (che c’erano pure prima, ma lui non lo sapeva, evidentemente, altrimenti avrebbe accusato quelle condizioni, non chi in esse si trovava ad agire), dell’Europa che non concede flessibilità, dei gufi che rosicano le speranze, dei professoroni che mortificano gli entusiasmi, delle soprintendenze che c’entrano sempre, dell’Italia del “no” che vuole il male di quella del “sì”. In definitiva, di tutti, tranne che sua.

Chiariamoci: qui nessuno tifa per la sconfitta, e sebbene il tono può apparire scanzonato o canzonatorio, di sicuro non è festante. Quello che si vorrebbe è al massimo un po’ di serietà, di competenza e di concertazione, per disegnare tutti insieme la strada attraverso cui giungere a condizioni migliori per tutti. Ma la risposta arrogante che si è avuta in questi primi due anni e mezzo è stata “tacete, mentre vi asfaltiamo”. Cosa volete che possiamo fare ora, noi che siamo stati spinti ai margini per non danneggiare, con le nostre domande e i nostri dubbi, l’immagine del prode condottiero nella sua scalata al potere?

Questa voce è stata pubblicata in economia - articoli, libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Effettivamente, la virgola non c’è

  1. Fabrizio scrive:

    Con reale e sostanziale voglia, in effetti, non c’e’ virgola e virgolette da molto e molto tempo , da chi ci governa e non solo.
    La virgola e le virgolette di Papa Luciani erano per i piu’ poveri e meno poveri senza se e senza ma.
    Non ho mai sentito , ne da Papa Francesco,ne da il Premier Renzi, ne da il Presidente della Repubblica Mattarella , parole come quelle pronunciate da Papa Luciani “togliere ai ricchi per dare ai piu’ bisognosi”

    p.s. ai posteri l’ardua sentenza

    Ciao Rocco,
    Fabrizio

Lascia un commento