Ballottieri sballottolati

A che serve un ballottaggio? Lo chiedo sul serio: a cosa serve il secondo turno in un’elezione? Ecco, se io ne capisco qualcosa, si va due volte alle urne per scegliere qual è il candidato che raggiunge la maggioranza  dei voti. E quand’è che questo accade? Quando le proposte elettorali al primo turno sono più di due; altrimenti, già in quello si saprebbe qual è maggioritaria.

Quindi, stando a noi e per portare la discussione sull’Italicum e un probabile ballottaggio alle prossime elezioni politiche, credo che non abbia senso sostenere, come in tanti fanno, che in una situazione tripolare, quello è il metodo sbagliato. Voglio dire che il fatto che sia sbagliato o meno non c’entra con la “tripolarità”. Anzi, proprio questa, in un certo senso, potrebbe giustificarlo. Se uno strumento come quello non serve a scegliere il vincitore fra le migliori opzioni con qualche chance di successo in uno scenario in cui, ovviamente, ce ne se non più di due, a che servirebbe? A offrire un posto a quelli che nelle liste più forti non lo trovano, consentendo loro di contrattare l’appoggio a una delle maggiori? Per dare l’illusione che tutti i partiti possano partecipare, ma solamente i due più grandi vincere?

E guardate che non sto affatto difendendo il doppio turno: io sono sempre più convintamente proporzionalista e da tempo penso che proprio la legge per l’elezione diretta dei sindaci del ’93 sia l’emblema e il primo supporto normativo del progressivo svuotamento dei concetti di rappresentanza che oggi, nel pieno disvelamento, tengono tanti lontani dalla politica proprio perché irriducibilmente distanti dall’argomento alienante della governabilità. Sto però dicendo che, nella situazione in cui ci potremmo trovarci in Italia alle prossime politiche, considerando pure l’impossibilità di apparentamento e di colazione, il ballottaggio, immagino, sia stato pensato per stabilire il vincente fra Pd, centrodestra e M5S. Se ci fossero solo due poli, la seconda tornata servirebbe esclusivamente a far ministro Alfano, di qua o di là è indifferente.

Chiaramente, sic stantibus rebus, si pone un’altra domanda: che faranno gli elettori e le forze politiche escluse fin dal primo turno? Beh, ma questa dovreste rivolgerla a chi ha pensato il sistema, che è così da che è nato col voto della maggioranza dei parlamentari, anche quelli che ora lo criticano, per l’esplicita volontà di tenere fuori dai giochi tutti i partiti minori, metterli da parte, costringergli all’irrilevanza istituzionale o alle vie extraparlamentari.

Personalmente, qualche idea ce l’ho, ed è legata alla domanda contraria a quella appena fatta. Cioè, supponendo, com’è probabile, che il Pd arrivi al ballottaggio contro una lista del centrodestra o contro il M5S, cosa è disponibile a fare quel partito per conquistare il mio voto?  Cambierebbe la riforma del mercato del lavoro o cancellerebbe l’art. 5 del Piano casa sulle occupazioni senza titolo di immobili vuoti, stralcerebbe le norme sul preside manager o la chiamata diretta nelle scuole, rivedrebbe il programma di concessioni estrattive petrolifere o sarebbe disponibile a modificare i suoi disegni costituzionali ed elettorali in un senso più rappresentativo e meno governista? Oppure mi offrirebbe il solito coté di irrisioni da social e rondolinate su l’Unità?

Ah, quasi dimenticavo: e a non candidare più nessuno fra chi quelle cose ha votato, ovvio.

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Ballottieri sballottolati

  1. Fabrizio scrive:

    A cosa e’ servito il Grexit , ieri?
    A cosa serve il Brexit , domani?
    A cosa e’ servito vendere Ansaldo Energia ai Cinesi?
    A cosa e’ servito vendere l’Acciaieria Lucchini ai Tunisini?
    A cosa e’ servito vendere Ansalobreda e Ansaldo Sts ai Giapponesi?
    A cosa e’ servito vendere , alla fine del gioco delle tre carte, l’Inter ai Cinesi?
    A cosa serve vendere il Milan ai cinesi, domani?
    A cosa e’ servito vendere la Pirelli ai Cinesi?
    A cosa e’ servito vendere la Roma agli Americani?
    A cosa serve vendere l’Ilva di Taranto ad altri colossi asiatici?
    A cosa e’ servito vendere parti del ns. Mar Mediterraneo ai Francesi?
    A cosa e’ servito vendere Alitalia agli Arabi?
    Eccetera ed eccetera ieri, oggi, domani e dopodomani…..
    Chi ci governa ha detto che aiuta il popolo con la buona politica; non riduce la politica ma riduce i politici; …….

    Cosa lasceremo in eredità ai nostri figli e future generazioni?

    Conclusioni sulla storia che non ci raccontano:
    – Se per vincere le Olimpiadi del 2024 …..
    – Se per costruire nuovi stadi ……

    p.s. le conclusioni continuano e continueranno ………

Lascia un commento