Aspettando di sapere i nomi

Dopo i fatti della Banca Etruria, tanto significativi da aver spinto Bersani a parlare di quei «troppi rapporti amicali in pochi chilometri» con toni tutt’alto che benevoli, a monopolizzare l’attenzione della cronaca politica intrecciata con il mondo degli affari sono state le vicende delle estrazioni di petrolio in Basilicata, così compenetrate nelle dinamiche governative d’aver portato la ministra Federica Guidi alle dimissioni. Pure in questo caso, non sono mancate le parole importanti e impegnative degli esponenti della minoranza del Pd.

A proposito dell’emendamento “telefonato” dalla titolare dello sviluppo economico al suo compagno, l’ex candidato alla segreteria per conto della sinistra interna Gianni Cuperlo ha commentato con un «vedo troppo familismo in giro, troppo potere in poche mani» che lasciava sinceramente poco spazio alle interpretazioni. Tranne con riguardo ai nomi, s’intende. Cioè, oltre alla ministra oggetto della questione, a quali altre connessioni e situazioni pensava il deputato dem tanto da spingerlo a parlare di «troppo familismo»?

Siamo certi, conoscendolo, che nella direzione prevista per questa sera, non si tirerà indietro, e, a Renzi che probabilmente vanterà la forza dei numeri sicuro della vittoria, come ha già lasciato filtrare attraverso i suoi fidati e pronti canali comunicativi, il triestino mite e determinato ricorderà l’importanza della correttezza e del rispetto delle regole del gioco, con tanto di nomi e circostanze a sostegno di quel suo giudizio tanto negativo.

Sempre che quell’affermazione non fosse solo un modo, davvero poco originale e per nulla all’altezza culturale e stilistica dell’interessato, per chiarire il senso della precedente: «forse il governo, dopo oltre due anni, ha bisogno di un tagliando».

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Aspettando di sapere i nomi

  1. Fabrizio scrive:

    Nel frattempo “aspettando di sapere i nomi” chi ci governa e non solo(i soliti che….) fa uso del solito “immagina puoi” e del “qui prende”.
    Immagina qualcuno che si autoattacca per ………
    Immagina che farsi un autogol o fa…..espellere un giocatore puo’ ………..
    Immagina che qui prende ma dove eravamo ieri, l’altro ieri e nei giorni passati non prendeva….
    Immagina, immagina, fiumi di parole , fiumi di parole, solo per tee…
    p.s continua…….

  2. Fabrizio scrive:

    Il risultato “dell’immagina puoi e del qui prende” e’ stato reso noto , realmente, venerdi scorso al “Crozza nel Paese delle Meraviglie”.
    I primi , come dato di fatto, che si sono fatti svitare la scatola cranica sono i rappresentanti politici del Pd!
    La realta’ si vede in tv , con cellulari sempre in connessione diretta con……!

  3. Fabrizio scrive:

    Come ho gia’ detto, in altri commenti, la storia e’ una ruota che gira!
    Storia che gira e cambia verso ;storie e/o scandali storici che ritornano , travestiti, camuffatti.
    Uno scandalo oltreoceano(statunitense) degli anni settanta…………

Lascia un commento