E perché non sottopelle?

Alla Fincantieri del Muggiano, nello spezzino, nel ridefinire il contratto integrativo aziendale, la dirigenza dello stabilimento ha pensato di inserire un microchip nelle scarpe dei lavoratori. La misura, spiegano i vertici del cantiere, nasce da motivi di sicurezza e consentirebbe, ad esempio, l’apertura automatica dei tornelli in caso di incidente. Ma, essendo quei dispositivi tracciabili, i lavoratori temono che sia un modo per controllare i dipendenti.

Quello del controllo a distanza è in effetti uno dei temi più caldi della riforma del lavoro voluta e portata avanti dal Governo. Sebbene si parli sempre di verifiche sui macchinari e mai sui lavoratori, è chiaro che il dubbio che il confine possa essere facilmente valicato è ampio: come si può non controllare lo strumento che adopero, senza che, in maniera indiretta, venga controllato anch’io? In questo caso, poi, si parla di scarpe, che per quanto le si voglia chiamare “dotazioni di sicurezza”, sempre scarpe rimangono, e quindi seguono chi le indossa: se controllo queste, controllo quello. Inoltre, la Fincantieri è controllata dall’Esecutivo, attraverso la finanziaria Fintecna S.p.A. del Ministero dell’Economia, che ne possiede il 72,5%. Troppi indizi per non sospettare la prova di una strategia.

Dopotutto, la possibilità di sapere cosa stiano facendo e dove i propri dipendenti in ogni momento della loro giornata lavorativa è il simbolo supremo di ogni MegaPresidente Galattico, Duca Conte, Lup. Man., Gran Ladr., Farabut., Multinaz., Figl. di Putt. che si rispetti. E volendo qualcosa di meno impegnativo delle pellicole di Neri Parente, si potrebbero sfogliare le belle pagine che Michel Foucault dedica al processo di creazione dei “corpi docili” attraverso la continua osservazione, a cui è funzionale un’istituzione perennemente osservante, come il Panopticon ideato da Jeremy Bentham.

Certo, possiamo sempre accettare l’idea dell’azienda, e credere che quella sia solo una procedura per migliorare la sicurezza dei lavoratori. Potremmo vivere tutti più sereni, accogliendo docilmente e senza critiche quanto ci viene dato. Anzi, di più: visto che è per l’incolumità fisica dei dipendenti, perché non mettere quei dispositivi direttamente sul loro corpo? Sottopelle, magari.

Questa voce è stata pubblicata in economia - articoli, libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento