E poi, voi queste cose non le dite

«Penso che oggi il peccato si manifesti con tutta la sua forza di distruzione nelle guerre, nelle diverse forme di violenza e maltrattamento, nell’abbandono dei più fragili. A farne le spese sono sempre gli ultimi, gli inermi. Mi viene solo da chiedere con più forza la pace per questo mondo sottomesso ai trafficanti di armi che guadagnano con il sangue degli uomini e delle donne. Come ho detto anche nel recente messaggio per la giornata mondiale della pace, il secolo scorso è stato devastato da due guerre mondiali micidiali, ha conosciuto la minaccia della guerra nucleare e un gran numero di altri conflitti, mentre oggi purtroppo siamo alle prese con una terribile guerra mondiale a pezzi. Non è facile sapere se il mondo attualmente sia più o meno violento di quanto lo fosse ieri, né se i moderni mezzi di comunicazione e la mobilità che caratterizza la nostra epoca ci rendano più consapevoli della violenza o più assuefatti a essa».

Lo so, pensate che queste parole del Papa, dette a Paolo Rodari per un’intervista su la Repubblica di giovedì scorso, il giorno della lavanda dei piedi, siano il solito monito inconcludente. Peggio: qualcuno addirittura le vedrà come il consueto buonismo votato all’ininfluenza, capace di toccare qualche anima bella e lasciare le cose così come sono. Può essere che sia così; eppure, erano quelli i temi che un tempo, soprattutto qui a sinistra, il movimento pacifista faceva suoi quotidianamente. Quindi, non stupitevi, miei sedicenti progressisti o riformisti, se in molti ascoltano Bergoglio quando chiede di fermare i signori della guerra perché la violenza distrugge il mondo e a guadagnarci sono solamente loro; una volta, per quelle stesse parole, ascoltavano voi.

E ora? Niente, ora anche la sinistra di governo convinta di sé si è persuasa che l’unica verità sia nel motto latino, e reazionario, si vis pacem, para bellum. Eccoli così pronti a inseguire il primo emulo di John Wayne che a unica moneta di scambio nelle relazioni internazionali elegge il piombo, giustificare i suoi missili o comprendere il senso del dispiegamento della sua Invincibile Armada (e la chiama proprio in quel modo, con sprezzo della scaramanzia o per mera ignoranza della storia). Io, invece, continuo a pensare che alla pace si arrivi praticandola.

Per questo credo che in molti ormai scorgano nelle parole del Pontefice quel faro e quella fermezza che stentano a ritrovare in altri. Dopotutto, un po’ a tutti quelli che s’ostinano a parlare di pace qualcuno, «un critico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli o un prete» avrà fatto notare che quelle sono solo parole, mai capaci d’altro oltre il loro dire. A me è successo, spesso e purtroppo proprio da parte di quelli che dello «svuotare gli arsenali, riempire i granai» avevano fatto bandiera.

Me ne son fatto e me ne farò, come dicono gli sprezzanti, «una ragione», e continuo e continuerò ad alzare quel vessillo. Certo, potrei rispondere alle critiche ancora con le parole del Maestrone, «saranno cose già sentite/ o scritte sopra un metro un po’ stantio,/ ma intanto questo è mio/ e poi, voi queste cose non le dite», ma mi limito ad augurare ai miei censori e a tutti voi, laicamente, buona pace.

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a E poi, voi queste cose non le dite

  1. Fabrizio scrive:

    Cultura
    2008 un Presidente in America che viene dall’altra parte”lontano”, dall’Africa; dopo qualche anno un Papa in Europa che viene dall’altra parte “lontano” dall’America Latina, Argentina “conquista del deserto e immigrazione”.
    Africa colonianismo franco anglicano,spagnolo in Argentina.
    Francesco, cattolicesimo e anglicanesimo

    Capitalismo
    Rothschild e Rockefeller, unione sancita il 14 Luglio a Parigi “Macron/Trump”

  2. Fabrizio scrive:

    geopolitica cultura-capitalismo “le due chiavi” ad X
    tra Stati Uniti e Africa , linea di una chiave; tra Argentina e Centro Europa(BENELUX), linea dell’altra chiave.

    p.s. da noi in Italia , la politica dei due forni (sempre chiavi , diciamo) ad X come da twitter…

  3. Fabrizio scrive:

    Codice da Vinci e i TEMPLARI( viaggi in ….)
    Tunisia, costituzione
    Egitto, costituzione
    Mali,…
    Pakistan,..
    Libano,…
    Afghanistan,..
    R
    I

  4. Fabrizio scrive:

    Per far crescere la Lega , Migliore
    Per far crescere M5S Sicilia e non solo, ha ben iniziato la De Michelis
    80 euro per ceto medio “ma non il medio basso che e’ realmente diventato basso”che si puo’ permettere auto nuova e/o buon usato, telefonia mobile, abbonamenti stadi calcio serie A , abbonamenti Sky-Mediaset , Palestre,…

  5. Fabrizio scrive:

    La verita’ su Europa che nascera’ ?
    1979 SME ECU e Tango Bond?
    1999 UEM e Euro ?
    2019 e/o 2024 Sistema Unitario Europeo 19 Paesi , ECURO , Euro e BRICS ?
    1971 collasso Breton Wood
    1994 collasso FMI
    2023 collasso….??

Lascia un commento