Solo a me le bombe non piacciono mai?

Non mi avevano convinto nemmeno nel 2011, quando, con la scusa di cacciare Gheddafi, si riempì la Libia di ordigni dal cielo e missili dal mare, trasformandola in una macelleria per uomini a cielo aperto e spalancando le porte all’Isis, facilmente insediatosi in Cirenaica sulle spoglie di un regime disordinatamente cadente. Non mi convincono oggi, anche se chiamate da un governo teoricamente legittimato a farlo (per quanto si possa essere “legittimati” alla guerra), pure se tutti sembrano contenti dell’azione statunitense e pronti a ruere in servitium delle super potenti US Air Force, Navy & Army, che all’inglese fanno tanto Hollywood, come dalle indiscrezioni di stampa parrebbe filtrare.

Le bombe, a me, non piacciono mai. Lo so che state pensando di dirmi che alle volte sono necessarie, che la storia ci ha insegnato, che Hitler, che, che, che. E poi, potreste aggiungere, si sa dalla notte dei tempi della civiltà degli uomini: si vis pacem, para bellum. Solo che, da allora, la seconda l’abbiamo sempre preparata, ma della prima non abbiamo avuto alcuna traccia significativamente duratura, sempre che davvero l’avessimo mai voluta.

Perché, io credo, se uno vuole la pace, lavora per prepararla davvero, e le bombe, immagino, difficilmente rientrano nella cassetta degli attrezzi necessaria al compito. L’Isis è il peggio che possa esistere in quest’epoca disorientata, come prima lo era stato Al Qaeda. Come ora, pure in quel caso non furono lesinati piombo e polveri, e con quale risultato? Anche adesso la domanda che dovremmo farci è la stessa, se cioè sia possibili costruire concordia con gli strumenti del conflitto.

Se avessimo o volessimo avere il tempo per ragionare, ovviamente.

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica, storia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Solo a me le bombe non piacciono mai?

  1. Fabrizio scrive:

    La delimitazione delle competenze dell’UE si fonda sul principio di attribuzione; principio inserito nel 2009.
    Il principio di attribuzione genera , anziché estirpare , gli strumenti del conflitto.
    Il Parlamento Europeo e “ non solo” sulla Politica di Sicurezza e di Difesa Comune che …….. ?
    Basta ripristinare lo stato di diritto antecedente al 2009 , secondo i principi di ragionevolezza e proporzionalità!Non per niente , oggi , poco tempo fa ,l’ex Primo Ministro Inglese Blair si e’ addossato tutte le colpe ……
    p.s. principio di attribuzione non presente nella Ns. attuale Costituzione dei Padri Fondatori.
    p.s.2 principio di attribuzione che e’ stato inserito nelle nuove riforme costituzionali sotto false spoglie….

    segue …….

Lascia un commento