Sì, ma con più sobrietà

Il contributo per chi ha un figlio non è una novità, nemmeno in Italia. Il bonus bebè l’abbiamo già sentito, quei mille euro delle finanziarie di Tremonti ai tempi di Berlusconi. E già allora non era un’invenzione, e c’era stata un’altra epoca in cui quel “contributo” veniva erogato, anche se a quel tempo, per avere l’agevolazione più importante, dovevi chiamare il figlio come il presidente del Consiglio dei ministri, o con altri nomi patriottici.

Renzi non inventa nulla, quindi, ma è decisamente più sobrio di quanti, in quei campi, l’hanno preceduto. Non annuncia pomposamente “1.000 euro”, come il Caimano, o una “Medaglia d’onore per le madri di famiglie numerose”, come il Duce: si accontenta di promettere (per il dare è tutto da vedere) “80 euro alle neomamme”, per tre anni. Perché, evidentemente, a “Marta, 28 anni, che non ha la possibilità di avere il diritto alla maternità” e magari ha un contratto di 800 euro (perché è 8 il numero magico e fortunato, come nella tradizione popolare cinese, no?), per aver la tranquillità necessaria a metter su famiglia basterà arrivare a 880, per tre anni.

Atteggiamento compunto che ha contagiato, ovviamente, l’intero Esecutivo. Infatti, sempre un po’ più sobriamente di chi in precedenza aveva annunciato “un milione di posti di lavoro”, il ministro dell’Economia Padoan prevede che, grazie al lavoro del Governo sulla fiscalità (anche qui, la sintesi potrebbe essere un sobrio “meno tasse per tanti”) e sulle nuove regole per il mercato del lavoro, quei posti in più saranno “800 mila”. Chiaramente, l’aumento delle assunzioni sarebbe merito del Governo e delle magnifiche sorti e progressive della sua azione, quello della disoccupazione, ça va sans dire, della crisi, della congiuntura, dei gufi, dei rosiconi, della palude, del destino cinico e baro.

Insomma, parole già sentite? Sì, ma con più sobrietà. E decisamente più fashion: vuoi mettere una cravatta total black su camicia bianca e maniche rimboccate invece di una Marinella scura a puntini chiari sotto un doppio petto blu a bottoni dorati.

Questa voce è stata pubblicata in economia - articoli, libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento