Le sostenute contraddizioni

La Cgil scende in piazza contro la finanziaria, ma sostiene chi sostiene che il Governo che l’ha sostenuta vada sostenuto.
L’Anpi sostiene che sia necessario dire no agli attuali tentativi di riforma costituzionale, ma sostiene anche che non è il caso di sostenere quelli che sostengono che queste riforme non vadano sostenute in Parlamento.
La metà dei ministri d’un partito sostiene un candidato al congresso di quel partito che sostiene che non si può fare il ministro della giustizia e fare telefonate di sostegno, l’altra metà dei ministri sostiene un altro candidato che sostiene più o meno la stessa cosa, poi però le due metà sostengono che non si possa sostenere una richiesta di dimissioni perché verrebbe meno il sostegno al Governo.
E se vi sembra la canzone della fiera dell’est a ritmo sostenuto, è perché le contraddizioni vengono coperte da alibi così blandi che danno l’effetto d’essere presi per il coro. Della canzone, ovviamente.

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento