La politica governante e i problemi della rappresentanza

Come non condividere il richiamo del presidente della Camera, Gianfranco Fini, alla difesa della centralità del Parlamento, quale luogo della rappresentanza, nelle scelte legislative e contro le pulsioni “governiste” rappresentate dal ricorso sistematico al “voto di fiducia”. Fa sorridere, però, che giunga da chi, al momento del suo insediamento, definì auspicabile il tendere verso “una democrazia più rappresentativa e più governante”.

L’espressione di Fini è un curioso ossimoro, che in sostanza, però, sottintende che la “governabilità” sia il fine dell’azione politica e, per mutuazione, anche dell’intero universo democratico. Ovviamente, l’idea della “democrazia governante” non trova sostenitori solo da una parte, ed in essa anche lo stesso sistema elettorale ha senso solo se ha per oggetto la scelta del governo (si legga “voto utile”).

All’organo di governo, in tale visione, è logico ipotizzare di trasferire quanto più potere possibile, svincolandolo, contemporaneamente, da tutte le interferenze: anche da quelle della rappresentanza. E, poiché l’esecutivo è espresso solo dalla parte maggioritaria, non è più l’intera assemblea elettiva, attraverso processi di sintesi e mediazione, ad indicare e decidere il da farsi, ma solo la parte maggioritaria.

Questo in astratto. Perché in concreto l’esecutivo ha una composizione ancora più ristretta e meno rappresentativa, e siccome è questo a dettare le scelte poi ratificate dalla parte maggioritaria della rappresentanza, allora è con esso che va ad identificarsi la meta ed il fine della politica e della democrazia governanti.

Gli esecutivi divengono, quindi, una sorta di Cda guidati da amministratori delegati che solo formalmente dipendono dall’assemblea dei soci (la parte rappresentativa), in un progressivo processo di imposizione dei modelli dell’impresa alle forme dell’agire politico. Una prospettiva in cui i poteri, anche quelli di indirizzo, si spostano verso l’organo esecutivo da quello rappresentativo, dove il bilancio diventa lo strumento di valutazione dell’efficacia e della validità della politica, e dove, dato che i temi della rappresentanza contano sempre meno rispetto ai risultati del governo, si assiste progressivamente alla sostituzione del vecchio modello politico del mediatore con un “nuovo” ceto manageriale.

In una simile ottica, il pluralismo, da valore di idee frutto dell’eterogeneità della rappresentanza, diviene impiccio, causa di inefficienza, ostacolo, disturbo al manovratore. E diviene “inutile” quella parte della rappresentanza che non esprimere un esecutivo.

Ora, chi teorizza la democrazia governante non può poi indignarsi che l’azione di governo si esplichi solo attraverso decreti legge e voti di fiducia; chi sostiene l’incremento dei poteri in capo ai sindaci ed agli esecutivi, ha poco da lamentarsi se l’azione dei consigli si riduce, di fatto, alla sola ratifica di atti di giunta.

Se il concetto della rappresentanza assume sempre più valori negativi per l’assonanza, indotta, fra pluralità e frammentazione, se l’unico orizzonte della politica è il potere esecutivo, allora le assemblee elettive e rappresentative saranno sempre più svuotate di senso, funzioni e poteri.

Nessuna meraviglia, infine, se i partiti si trasformano in comitati elettorali del “potente” (inteso come detentore del potere esecutivo) di turno. In una logica “governista”, i partiti possono essere solo “degli assessori”. E se pure consiglieri e parlamentari diventano comparse, figuriamoci i semplici militanti; come meravigliarsi della disaffezione verso una tale politica e le sue forme organizzative?

Se la politica non è più strumento della mediazione e luogo della rappresentanza, a rischio non sono solo le sue istituzioni, ma il concetto stesso di democrazia. Se il governo diviene l’unico fine ed il solo ambito dell’agire politico, allora lo stesso concetto di rappresentanza non ha più ragion d’essere. In una tale logica, quando la politica coincide e finisce col governo inteso come luogo delle scelte, non hanno senso concetti come maggioranza e minoranza all’interno degli ambiti rappresentativi, e tutto è delegato agli esecutivi, con il popolo privato del potere di eleggere i propri rappresentanti ed a cui, al massimo, è concesso quello di scegliersi i governanti.

Non voglio concludere con un giudizio di valore su un simile scenario, ma viene spontaneo un interrogativo: un sistema in cui il solo fine della politica è la gestione del potere esecutivo è sicuramente più “governante”; ma si può ancora parlare di democrazia?      

Questa voce è stata pubblicata in filosofia - articoli, politica. Contrassegna il permalink.

1 risposta a La politica governante e i problemi della rappresentanza

  1. Pingback: E poi una mattina ci siam svegliati | Filopolitica

Lascia un commento