D’un tratto, tutto divenne straordinario

Era caldo, quel giorno,
ma quasi non sentivo
il sudore che scorreva
sulla mia fronte agitata.

Negli occhi, non bruciava
il sale di quell’acqua, 
aperti com’erano, a guardare
la meraviglia che s’avverava.

Eri con noi, da lì per sempre,
e lungo una strada assolata
all’altro capo del mondo 

nel volgere di un battito 
delle tue ciglia siamo qui,
all’oggi che rendi eterno.

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, poesia. Contrassegna il permalink.