Ah, codd fruesc’k d’ na cers!

Megghji ca mam’t t’ chiangess
ca non l’ sol d’ marz t’ k’ciuess,
e mo tras l’ mues d’ l’ Suand, 
e dopp logghji agost’, cap d’ virn.
 
Quann m’bok, ah, chedda cers!
Ass’ttat a l’ fruesc’k send l’ cokk
ca cant e cond addonn la Marein;
nan so l’ann, so l’ vot ca vai e vin.
 
E po turn, e fokk cè hai acchià.
Iè l’bageij: l’ tuimp nan torn chiò.
Akk’ssè t’assitt, e pinz a l’ vuirn,
 
quann l’ sol s’ n’ vaij prest e iess’n
malombr e mandraw’l: e l’han vest, 
n’ pued a l’ Scal e n’aut a la F’rest.
Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, poesia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ah, codd fruesc’k d’ na cers!

  1. Nicola scrive:

    Non ho capito niente.

  2. Fabrizio scrive:

    Io ho solo capito che:
    – sono quattro versetti
    – ogni versetto cambia verso rispetto all’altro
    – il partito della nazione e’ il conforto di forza italia dopo il patto del nazareno
    – la minoranza del fu Pd e’ il sollievo delle promesse dopo il patto amministrativo

Lascia un commento