Ma perché, vota qua?

Ospite della Luiss a Roma dove, insieme a Emma Marcegaglia, ha premiato gli studenti vincitori della seconda edizione della Rotman European Trading Competition, Sergio Marchionne ha parlato loro della necessaria moralità nell’economia e dei limiti oltre i quale il profitto deve fare i conti con la coscienza di ognuno. Limite che, evidentemente, il suo reddito pari a quello di qualche migliaio di dipendenti che dirige non raggiunge, altrimenti, qualche problema di coscienza dovrebbe averlo anche lui.

A parte questo, le parole dell’ad di Fca m’hanno stupito. No, non per il fatto che lui si sia schierato a favore della riforma di Renzi pur senza entrare nel merito della stessa, un po’ come fece l’allora sindaco di Firenze sul referendum a Mirafiori, senza approfondire il Wcm e le incompatibilità fra i suoi ritmi di produzione e i tempi di vita dei produttori, ma che il ricco manager si interessi alle questioni di quaggiù. Dopotutto, lui che risiede in Svizzera e che amministra un gruppo che, sotto la sua guida, ha spostato le sedi legale e fiscale in Olanda e Gran Bretagna, il tutto per pagare meno tasse e, di conseguenza, contribuire meno al benessere italiano, di cosa serva all’Italia se ne intende, giusto? Ecco, prima che ci consigli di spostare la capitale in Lussemburgo e la tesoreria di Stato nel Liechtenstein, però, vorrei poter diffidare dei suggerimenti di uno come lui.

Sinceramente, poi, sono anche sorpreso dal fatto che il buon principale in maglioncino voti qua. Insomma, avesse preso casa e residenza nella collina torinese e fatto di tutto perché la multinazionale che dirige rimanesse, con tutti gli annessi e connessi, là dov’era nata, uno se lo sarebbe aspettato. Ma così come sono andate le cose, sinceramente, è un po’ curioso.

D’altronde, come non capirli, lui e gli Agnelli ora Elkann: questo Paese, per decenni, gli ha fatto l’affronto di finanziare la loro industria e comprarne le produzioni, roba che nemmeno se i governi avessero imposto il protezionismo automobilistico per legge, perché avrebbero dovuto essergli riconoscenti?

Poi, è chiaro, danno consigli e si aspettano d’esser ascoltati; son pur sempre i padroni.

Questa voce è stata pubblicata in economia - articoli, libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ma perché, vota qua?

  1. Fabrizio scrive:

    Principi Fondamentali Costituzione Italiana
    Art. 9
    La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica
    Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione
    Art. 823 del Codice Civile “ Demanio Pubblico”
    I beni che fanno parte del demanio sono “inalienabili” e non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei modi limiti stabiliti dalle leggi che li riguardano.
    Spetta all’autorità amministrativa la tutela dei beni che fanno parte del Demanio Pubblico “Stato”.

    Lo Stato Italiano e’ una Repubblica Democratica Parlamentare…………….
    Organi di rilievo Costituzionale che contribuiscono a determinare” l’ordinamento democratico” e cioè a garanzia del Sistema Italia “ Controllo “:
    -Il Consiglio Nazionale dell’economia e del lavoro
    -Il Consiglio di Stato
    -La Corte dei Conti
    – Il Consiglio Superiore della Magistratura
    -Il Consiglio Supremo della Difesa

    Organi a garanzia della Costituzione Italiana
    -La Presidenza della Repubblica
    – La Corte Costituzionale
    -La Magistratura

    Il Presidente della Repubblica deve essere indipendente dai partiti e deve svolgere la sua attività in modo imparziale.

    Chiusa questa parentesi ( premessa),alcune domande lecite da farsi alla Presidenza della Repubblica:
    -Perché e come mai la “ protezione civile” e’ sotto la gestione della Presidenza dl Consiglio dei Ministri?
    -Democraticamente parlando , gestione amministrativa del sistema stato o gestione amministrativa politica “governativa”?
    -Civilmente parlando, controllo giurisdizionale dello stato o controllo giurisdizionale politico”governo”?

    Perché e come mai la Presidenza della Repubblica , da anni , non presenta nessun ricorso amministrativo e giurisdizionale a tutela dei propri cittadini?Perché e come mai , da anni, non emana decreti e/o leggi a tutela del paesaggio ; a tutela della ricerca scientifica per la salvaguardia del suolo nazionale; a tutela della tecnica di correzione per il benessere ambientale dei cittadini?

    Di che cosa ha paura la Presidenza della Repubblica? Di mettersi contro il governo Renzi?
    L’Italia e’ una Repubblica Parlamentare o e’ una Repubblica Semi-Presidenziale “Incostituzionale” di fatto?

    La Presidenza della Repubblica ha ancora sede in Italia o si e’ trasferita altrove?

    p.s. ai posteri l’ardua sentenza

  2. Fabrizio scrive:

    Carissimo Rocco Olita ,
    ecco gli ultimi approcci ai tanti perche’ e come mai del lato oscuro e della luce .
    Il TTIP e’ vivo e vegeto; sono raggiri veri e propri ,in primis da parte della Francia e a seguito ,ieri, dalla Germania.
    La Germania chiede di mantenere gli accordi con la Turchia e l’America e’ contro la Turchia.
    Bruxelles, commissione europea , e’ per l’accordo transatlantico.
    L’Italia ha fatto finta ma e’ il capo globale dell’accordo.
    Dicono che serve per combattere l’invasione economica cinese ma e’ tutto il contrario.
    La Cina ha la mano d’opera a basso costo ma l’Europa ha distrutto la mano d’opera produttiva.
    La Cina e le sue multinazionali tengono in piedi il capitalismo americano, inglese, italiano e non solo.

    Funerali delle vittime terremoto di Amatrice :
    Chi e’ capo delle Prefetture? Il ministro degli interni!
    Con chi ha parlato , in primis, il ministro degli interni?………………

  3. Fabrizio scrive:

    Per concludere , carissimo Rocco, e’ stato un piacere seguire, leggere, apprendere , i tuoi pensieri, paure e riflessioni.
    Dal canto mio ho cercato di commentare seguendo la cultura insegnatami, da piccolo e rozzo scrivano.

    Ciao, Fabrizio

Lascia un commento