«Sono ragazzi meravigliosi»

«Dopo le ultime posizioni di Salvini, le condizioni sono cambiate. Nel Movimento 5 Stelle esiste una prassi: si vota sì all’autorizzazione a procedere. Ma quella della Diciotti è stata una decisione collegiale che ha investito tutto il Governo. […] Dobbiamo riflettere bene se votare sì o no all’autorizzazione per Salvini». Così Emilio Carelli, deputato pentastellato ed ex giornalista Sky, durante la puntata di ieri della trasmissione Agorà, in onda su RaiTre; sintesi efficace e perfetta, bisogna ammetterlo.

Me lo avessero detto un annetto fa, non ci avrei creduto. Anzi, avrei pensato che fosse la solita cattiveria gratuita dei nemici di quel movimento. Invece, a poco più di sei mesi dal loro insediamento tra i braccioli ministeriali e di maggioranza, i grillini cadono perfettamente nel cliché che la tradizione vuole giolittiano, e che spiega come le leggi debbano essere applicate per i nemici, mentre si possano interpretate per gli amici. Ed è bastato davvero poco, come una richiesta di autorizzazione a procedere da parte del Tribunale dei ministri di Catania, per scoprire il lato debole della narrazione ad uso dei followers (che, prevedo, si scateneranno a difendere il doppio principio contro quanti oseranno mettere in discussione la bontà dell’azione del cambiamento). Insomma, per citare il loro mentore e animatore, «sono ragazzi meravigliosi».   

Se smettessi un attimo i toni della celia, potrei anche dire che, effettivamente, per quanto squallide e disumane, le azioni di Salvini hanno più un profilo pienamente politico che una dimensione squisitamente amministrativa, e pertanto il caso, in punta di diritto, non è facile a dirimersi. E però, sono proprio loro quelli che, a colpi di post sul blog dei giusti, han sempre spiegato con furore giacobino che un politico indagato è per sua natura stessa un politico disonorato, meglio, un politico da mandare «a casa» al grido di «onestà».

E con gran copia e sperpero di maiuscole e punti esclamativi, ovviamente.   

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a «Sono ragazzi meravigliosi»

  1. Osejin Komarevic scrive:

    Dobbiamo solo ringraziare il calendario politico, che fa passare poco tempo (ma abbastanza) tra politiche ed europee, e molto tra europee e politiche. Hanno avuto un annetto d’aria, basta così, grazie e addio.
    Certo, chi resterà sarà il Capitone, ma è un avversario-avversario, osteggiabile e battibile. In fondo in fondo spero che gli italiani non siano così strotzkij come ultimamente stanno dimostrando… Spero…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *