Sovranismo è isolamento

Mi hanno fatto sorridere le parole che Giuseppe Conte ha pronunciato nel suo intervento a Davos. Uno, perché «l’avvocato del popolo» che arringa dal pulpito delle più abbienti fra le élites facoltose del mondo è uno spettacolo insieme comico e curioso. Due, perché dopo aver dato fendenti e stilato colpi di fioretto a destra e a manca, se n’è uscito, «tomo tomo, cacchio cacchio», dicendo che non gli dispiacerebbe se al suo fianco avesse altri, sulla strada delle riforme che con il suo governo e le forze politiche che lo reggono hanno in mente a proposito dei nuovi assetti europei e mondiali.

Ora, non è solo nel fatto che Conte non possa prendere che la sua Weltanschauung sia condivisa nel momento stesso in cui la usa come una clava sulla testa dei suoi possibili partner l’ironia della richiesta. È proprio nelle basi su cui poggia tutto il ragionamento (e la volontà politica ed elettorale) che vi sta dietro che essa trova il suo significato ultimo e, se me lo consentite, banale. Il sovranismo è, e non può essere altrimenti, una pratica di isolamento. Ancor di più se di questo si professa il suo valore universale e necessario per tutte le nazioni del mondo. Se ognuna di esse, infatti, dichiara il proprio first, alla Trump, è ovvio che sarà sola, perché tutte le altre sue potenziali alleanze parleranno quella medesima lingua, relegandola, dal loro punto di vista, nella migliore delle ipotesi in un second mai disponibile.

Il tamburo battuto sulla retorica della patria libera e indipendente suona in modo seducente per i compatrioti. Al tempo stesso, però, rimbomba aggressivo nelle orecchie dei vicini oltre confine. È da sempre così, e difficilmente può funzionare in modo diverso. «L’internazionale sovranista» è un titolo buono per vendere i giornali, a quelli che la temono almeno quanto – se non di più – a quanti vi anelino; ma è un controsenso sul piano logico, e una vera e propria idiozia nella teoria geopolitica e nella pratica delle relazioni fra gli Stati.

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Sovranismo è isolamento

  1. Osejin Komarevic scrive:

    E questa è la plastica dimostrazione che non ci arrivano nemmeno le menti migliori (si fa per dire, eh?), figurarsi il “popolo”… Quando tutti saremo tornati sovrani, vincerà come sempre quello piú forte nella giungla 2.0. E se si dimostrerà che non siamo altro che il classico vaso di coccio (le classifiche OCSE sono lì a certificarlo) forse (forse) la capiremo; ma sarà troppo tardi.

  2. Gabriele Rosso scrive:

    Questo è il sovranismo odierno, basato per l’appunto su un sentimento nazionalista (spesso razzista) riassunto da “America First!” e “prima gli italiani”. Ma io credo anche che bisognerebbe tenere a mente che una parte di questa sensazione collettiva di distanza dai luoghi in cui si fanno le scelte politiche sia figlia della globalizzazione, e quindi dello strapotere di enti sovranazionali e aziende multinazionali che hanno allontanato le leve dal potere dai territori, che invece reclamano calore e attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *