Non è detto

«Dai che forse ti va bene: potrai votare per la lista unica della sinistra», dice un amico all’altro. «Non è detto», risponde quest’ultimo. «Nel senso che forse non si farà quell’unione?». «No, non è detto che il lo faccia». «E per chi voteresti? Pd? M5S?». «No, non è detto che vada ancora a votare». «Perché?». «Perché di delusioni ne ho già avute tante, da quelli che ti dicevano di essere alternativi alla destra e poi ci si sono alleati a quanti han detto di far opposizione per lo stesso sindaco di cui ora sono assessori e maggioranza: non ho voglia di riporre di nuovo la mia fiducia in qualcuno, tutto qui».

La conversazione davanti al bancone del bar intrecciava questioni cuneesi con scenari nazionali, ma il senso del ragionamento era ed è generale. Si può sintetizzarlo come ha fatto D’Alema, cogliendone il punto, sebbene lui sia parte dei motivi di quel sentimento: «Chi è stato tradito è difficile che si innamori di nuovo». O semplicemente se ne possono scorgere gli esiti e le dinamiche in larga parte di quello che si chiama per comodità «populismo». La spinta di fondo è spesso la medesima: la reazione di chi, deluso da quelli che, per dirla con le parole di Rino Gaetano, «partono tutti incendiari e fieri/ ma quando arrivano sono tutti pompieri», rinuncia a prender parte, perché teme che siano solamente le parti, individualiste e personali, di alcuni, di gente capace di promettere qualsiasi cosa, salvo poi disattenderne il perseguimento. E io non so più come dar loro torto, sempre che non abbiano del tutto ragione.

Davvero, sono un po’ stanco di dover cercare di capire proposte e progetti, quando poi il rischio è che vengano disattesi con la scientificità con la quale sono redatti. Quante volte ho già seguito quelli che mi dicevano di avversare tutte le politiche degli altri, e dopo vederli farne di uguali? E perché domani dovrebbe essere diverso? Dove potrei ancora ritrovare la sicurezza per affidarmi di nuovo?

Ecco, forse anche per me è giunto il tempo di quel «non è detto».

244 Visite totali, 7 visite odierne

Questa voce è stata pubblicata in libertà di espressione, politica, società e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Non è detto

  1. Pingback: Quel giorno potrei avere judo | Filopolitica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *